Vigilanza e controllo sui voli

L’ENAC, è, tra le sue funzioni, l’organismo responsabile in Italia della corretta applicazione del regolamento comunitario n. 261/2004 in caso si disservizi nel trasporto aereo quali per esempio, negato imbarco, cancellazione volo, ritardo del volo, obbligo di informazione della compagnia aerea. Nel sito www.enac.gov.it tra le varie informazioni c’è una sezione importante di utili informazioni per il passeggero.

L’ENAC agisce come autorità unica di regolazione tecnica, certificazione, vigilanza e controllo nel settore dell’aviazione civile in Italia nel rispetto dei poteri derivanti dal Codice della Navigazione.

Sicurezza aerea

L’ENAC garantisce la sicurezza del volo e dei passeggeri trasportati sia durante le operazioni aeronautiche sia a terra in ambito aeroportuale. La sicurezza è intesa nella duplice accezione di safety, quale forma di tutela dell’incolumità delle persone coinvolte nelle operazioni aeronautiche, che di security, quale forma di prevenzione e di neutralizzazione di atti di interferenza illecita che possono essere messi in atto nei confronti del sistema di aviazione civile (in aeroporto e a bordo degli aeromobili).

Le attività di safety prevedono la certificazione e il controllo sulle condizioni di sicurezza degli aeromobili e degli aeroporti nonché la valutazione dell’idoneità degli operatori aerei, del personale di volo, del personale tecnico e di quello addetto alla manutenzione al fine di garantire la sicurezza dal punto di vista della progettazione, della costruzione, della manutenzione e dell’esercizio degli aeromobili. Nelle attività di safety trovano attuazione i programmi di sorveglianza degli aeromobili, delle organizzazioni certificate, degli aeroporti, dei servizi di navigazione aerea nonché i programmi nazionali e internazionali sui vettori aerei che, attraverso ispezioni di rampa, monitorano le condizioni di efficienza degli aeromobili in transito sugli aeroporti e forniscono i dati di base per l’applicazione del Regolamento europeo del divieto operativo (c.d. “EU Safety List”) delle compagnie aeree che non soddisfano gli standard di sicurezza comunitari.

Anche nell’ambito della security, l’ENAC svolge un ruolo fondamentale in quanto è l’Autorità responsabile del coordinamento e del monitoraggio dell’attuazione delle norme comuni per la prevenzione degli atti idi interferenza illecita nell’aviazione civile. L’ENAC presiede il CISA (Comitato Interministeriale per la Sicurezza del Trasporto Aereo e degli Aeroporti), organo deputato all’elaborazione delle politiche in materia. L’Ente agisce inoltre verificando l’attuazione del Programma Nazionale di Sicurezza ed esaminando i Programmi di Sicurezza delle compagnie aeree nazionali ed estere, ma anche provvedendo alla certificazione degli addetti alla sicurezza e dei vari operatori aeroportuali (agenti, handler, istruttori, ispettori), nonché curando i rapporti con l’industria nazionale e internazionale per favorire l’adeguamento dei sistemi di sicurezza alle nuove tecnologie.

Passeggeri

L’Ente è Organismo responsabile della corretta applicazione dei Regolamenti comunitari in materia di Diritti del Passeggero e ha il potere di irrogare sanzioni amministrative nei confronti dei soggetti inadempienti. Per garantire il rispetto degli standard qualitativi e dei diritti del Passeggero, l’ENAC cura la definizione e la verifica dei parametri di qualità dei servizi aeroportuali e di trasporto aereo. Qualità e tutela dei servizi sono garantite anche attraverso lo svolgimento di attività di certificazione, di formazione e di riqualificazione professionale del personale.

Trasporto aereo

Nell’ambito delle attività legate agli aspetti economici del trasporto aereo, rientra tra le competenze dell’ENAC l’istruttoria per l’affidamento in concessione delle strutture/beni del demanio aeroportuale e dei servizi aeroportuali che viene effettuata sulla base della valutazione del livello di affidabilità, efficienza e competitività dei soggetti economici e imprenditoriali coinvolti. L’ENAC provvede, inoltre, alla regolazione tariffaria, alla predisposizione degli accordi di traffico, al rilascio delle licenze di esercizio per i vettori aerei, alla verifica delle condizioni che possano giustificare l’istituzione di oneri di servizio pubblico su specifici collegamenti, all’attuazione del decreto legislativo relativo al libero accesso al mercato dei servizi a terra (handling) negli scali italiani. Rilevante l’attività relativa all’esame delle problematiche economiche del trasporto aereo a livello internazionale.